Pensione non reversibile per ciechi assoluti

Pensione non reversibile per ciechi assoluti

Pensione buy generic viagra australia non reversibile per ciechi assoluti. Possono usufruire di tale provvidenza buy viagra generico economica i ciechi totali, maggiorenni, cittadini italiani e residenti in Italia che versino in stato di bisogno.

Il beneficio spetta anche a coloro che risiedono stabilmente in Italia, se cittadini di uno degli Stati membri dell’Unione europea. Agli apolidi o cittadini di Stati non membri dell’Unione europea aventi permesso di soggiorno da almeno 5 anni.

La provvidenza economica vuole essere una valida integrazione del presunto mancato guadagno derivante dalla condizione di minorità dovuta alla patologia e per tale motivo non spetta al minore che ha invece diritto all’indennità di accompagnamento per ciechi assoluti. La pensione continua ad essere erogata anche dopo i 65 anni non essendo prevista la trasformazione in assegno sociale.

Per poter beneficiare della pensione non reversibile per ciechi assoluti è necessario che vi sia uno stato di bisogno.

L’importo della prestazione varia a seconda che la persona sia ricoverata o meno.
Per l’anno 2011 l’importo è pari a €. 260,27 per la pensione erogata ai ciechi assoluti ricoverati, e pari a € 281,46 per i ciechi assoluti non ricoverati. Invece il limite di reddito che non bisogna superare per il 2011 è pari  a €. 15.305,79. la pensione viene erogata per 13 mensilità.

Cumulabilità

La pensione non reversibile per ciechi assoluti è cumulabile con analoghe prestazioni pensionistiche concesse a seguito di invalidità per causa di guerra, di lavoro o di servizio, nonché con ogni trattamento pensionistico diretto erogato per ragioni di invalidità lavorativa.

consulenza legale on line

About The Author

E. Nadia Delle Side: Avvocato specializzato su invalidità, indennità di accompagnamento, cecità, sordità, indennità di frequenza scolastica, handicap, viagra visa prestazioni Inps e Inail, danneggiamento da trasfusioni di sangue e vaccinazioni, amministrazione di sostegno, tutela antidiscriminatoria.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *