Cassazione: Sì agli ascensori per disabili in condominio anche se riducono gli spazi comuni

Cassazione: Sì agli ascensori per disabili in condominio anche se riducono gli spazi comuni

Con una recente sentenza, la n. 16846/2015, la Corte di Cassazione è intervenuta in tema di ascensori per disabili in condominio.

In particolare, con la suindicata sentenza i giudici hanno stabilito che un ascensore per disabili può essere installato in condominio anche se riduce la larghezza della scala condominiale e anche in deroga alle regole sulla maggioranza previste per le innovazioni ordinarie.

Ciò in quanto, l’ascensore costituisce un’opera volta all’eliminazione delle barriere architettoniche e in quanto tale, in base alla Legge 13/1989, può essere autorizzata anche con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio (e non la maggioranza degli intervenuti ed almeno i due terzi del valore dell’edificio).

A tale conclusione sono giunti i giudici della Cassazione, respingendo il ricorso di un condomino secondo cui l’installazione dell’ascensore arrecava un danno ai condòmini compromettendo l’utilizzo della cosa comune. I giudici invece hanno affermato che, nello stabilire la presenza di eventuali danni, occorre confrontare gli interessi delle varie parti. Nel caso in esame, i disagi lamentati dai condòmini erano controbilanciati dal normale utilizzo del bene comune da parte del condomino portatore di handicap.

consulenza legale on line

About The Author

E. Nadia Delle Side: Avvocato specializzato su invalidità, indennità di accompagnamento, cecità, sordità, indennità di frequenza scolastica, handicap, prestazioni Inps e Inail, danneggiamento da trasfusioni di sangue e vaccinazioni, amministrazione di sostegno, tutela antidiscriminatoria.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *