Strisce blu e contrassegno disabili. Sentenza Cassazione 2017

Strisce blu e contrassegno disabili. Sentenza Cassazione 2017

Il parcheggio su strisce blu non è gratis nemmeno per coloro che sono titolari di contrassegno disabili

E’ ciò che è stato chiarito dalla Corte di Cassazione con sentenza n. 13851 del 21.03.2017: con il contrassegno disabili non è possibile parcheggiare gratis sulle strisce blu.

Il caso ha avuto origine dalla condanna da parte della Corte d’appello di Bari per abuso d’ufficio di un ausiliare del traffico che aveva ripetutamente «elevato alcuni avvisi di accertamento attestanti la sosta dell’autovettura, in zona blu a pagamento senza l’esposizione del relativo “grattino”, mentre invece detta vettura era munita di un regolare pass per disabili visibilmente esposto».

Avverso a tale sentenza l’imputato-ausiliario del traffico ha proposto ricorso in Cassazione sull’assunto che nessuno degli atti deliberativi del Comune di Molfetta facevano riferimento all’esonero dal pagamento del titolo di sosta a favore dei portatori di handicap muniti di contrassegno disabili.

Orbene, la Corte nella sentenza in esame ha evidenziato che nessuna agevolazione tariffaria è prevista per coloro che sono muniti di pass disabili allorquando le relative auto parcheggino nelle zone delimitate da strisce blu.

Di conseguenza, secondo gli ermellini, anche le persone portatrici di handicap sono tenute al pagamento del parcheggio sulle strisce blu a meno che il Comune non preveda esplicitamente, con specifiche disposizioni in merito, l’esonero nei loro confronti.

consulenza legale on line

About The Author

E. Nadia Delle Side: Avvocato specializzato su invalidità, indennità di accompagnamento, cecità, sordità, indennità di frequenza scolastica, handicap, prestazioni Inps e Inail, danneggiamento da trasfusioni di sangue e vaccinazioni, amministrazione di sostegno, tutela antidiscriminatoria.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *