Agevolazioni auto e Legge 104: nuova dicitura sui verbali di handicap

Agevolazioni auto e Legge 104: nuova dicitura sui verbali di handicap

Il cosiddetto decreto “Semplifica Italia”, decreto-legge n.5 del 9/2/2012 art. 4, convertito nella legge 4 aprile 2012, n. 35, ha introdotto un importante novità con riferimento alle agevolazioni auto nei verbali di handicap (L. 104/92), ma non solo.

Infatti, il suddetto decreto ha previsto che i verbali rilasciati dalle commissioni mediche di invalidità civile, handicap, cecità, sordità, disabilità riportino anche l’esistenza dei requisiti sanitari necessari per la richiesta di rilascio del contrassegno invalidi di cui al comma 2, articolo 381, decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, e successive modificazioni, nonché per le agevolazioni fiscali relative ai veicoli previsti per le persone con disabilità “.

Questo significa che i verbali di invalidità civile, handicap, cecità, sordità, disabilità, d’ora in poi conterranno anche una particolare dicitura, il riferimento all’art.5 del decreto legge 09.02.2012, per cui se il verbale riporta che “l’interessato non possiede alcun requisito tra quelli dell’art. 4 DL 9 febbraio 2012 n. 5″, non sarà possibile ottenere l’esenzione del bollo auto, come anche far valere le altre agevolazioni fiscali auto previste per le persone con disabilità.

Si ricorda che ai fini delle agevolazioni auto occorre che la persona sia affetta da una delle seguenti disabilità:

  1. Cecità, sordità;
  2. handicap psichico o mentale con riconoscimento dell’indennità di accompagnamento;
  3. grave limitazione della capacità di deambulazione o pluriamputati;
  4. ridotta o impedita capacità motoria.

Dunque, se il verbale esclude il diritto alle agevolazioni auto poichè vi è l’indicazione che l’interessato non possiede alcun requisito tra quelli dell’art. 4 DL 9 febbraio 2012 n. 5″e si ritiene che il giudizio espresso dalla commissione non sia giusto, è possibile presentare ricorso per accertamento tecnico preventivo al Giudice del lavoro tramite l’assistenza di un legale entro sei mesi dalla notifica del verbale da impugnare.

consulenza legale on line

About The Author

E. Nadia Delle Side: Avvocato specializzato su invalidità, indennità di accompagnamento, cecità, sordità, indennità di frequenza scolastica, handicap, prestazioni Inps e Inail, danneggiamento da trasfusioni di sangue e vaccinazioni, amministrazione di sostegno, tutela antidiscriminatoria.

Related posts

16 Comments

  1. willy

    Costo dispositivi di guida per disabili.
    Perché i prezzi dei dispositivi per la guida dei disabili non vengono pubblicati dalle officine o dalle case produttrici ? Io vorrei sapere prima il costo di ogni modello del dispositivo di guida e non dopo che loro si fanno una idea di quanto tu puoi spendere. Si, perché questa impressione danno loro quando li chiedi un preventivo. Pero loro dicono che per farti un preventivo devono sapere se la macchina e nuova e di che marca ? Allora cari signori delle officine che montate questi dispositivi pubblicate il elenco con dei vari modelli e su quale tipo e marchio di autovettura possono essere montate e allora non sono più dubbi. Io il fatto che i prezzi dei dispositivi guida per disabili non sono pubblichi lo trovo poco trasparente voi no ?
    Egr. Avv. Nadia Delle Side verifichi anche Lei per favore i siti delle case produttrici dei dispositivi di guida per disabili e delle officine che li montano e se non trova i prezzi prova a chiedere alle case produrtici e alle officine come mai i prezzi non sono pubblici ? Grazie per la collaborazione.

    Reply
  2. Anita

    Buongiorno, il mio verbale di invalidità è antecedente al decreto del 2012, pertanto manca la dicitura chiara. Proprio per l’assenza di questa dicitura, la concessionaria dalla quale sto cercando di acquistare un auto, mi sta facendo mille problemi per l’applicazione dell’iva agevolata. L’agenzia delle entrate ha approvato e confermato alla concessionaria in questione, la validità dei documenti per l’ottenimento dell’agevolazione.
    Sono invalida con ridotte capacità motorie (paresi ostetrica), con percentuale del 60%, non soggetta a revisione medica. La documentazione è vecchia, si, ma da quello che ho capito non viene fatto nessun aggiornamento, in quanto la situazione è stabile.
    Hanno motivo secondo Lei per ostacolare così tanto un mio semplice diritto?
    Circa 10 anni fa ho già acquistato con iva al 4% e non c’era stato nessun tipo di problema.
    Ringrazio per l’attenzione.

    Reply
  3. luisa

    buona sera,

    in data 06.09 abbiamo ricevuto il verbale della commissione medica in cui viene riconosciuto come portatore di handicap in situazione di gravità aert.3 comma 3 e successivamente “”l’interessato non possiede alcun requisito tra quelli di cui all’rt.4 D.L. 9/02/2012 N.5.
    Tale diciture sono contradditorie?
    grazie

    Reply
    1. Avv. Nadia Delle Side

      La dicitura dice semplicemente che l’interessato non possiede i requisiti sanitari necessari per la richiesta di rilascio del contrassegno invalidi nonché per le agevolazioni fiscali relative ai veicoli previsti per le persone con disabilità.Le ricordo che ai fini delle agevolazioni auto occorre che la persona sia affetta da una delle seguenti disabilità: cecità, sordità;handicap psichico o mentale con riconoscimento dell’indennità di accompagnamento;grave limitazione della capacità di deambulazione o pluriamputati; ridotta o impedita capacità motoria. Quindi se ritiene che la dicitura apposta sul verbale non sia corretta deve impugnare lo stesso in sede giudiziaria entro 6 mesi dalla notifica e con l’assistenza di un avvocato. Saluti

      Reply
  4. Labella Carmine

    Il verbale risale a metà 2017. Trattasi di indennita di accompagnamento per disabilita’ psichica invalidità al 100 per cento art
    3 comma 3 legge 104/92. Come si puo’ impugnare visto che sono abbondantemente decorsi i termini di 6 mesi ed essendoci la dicitura ” non sussistono i presupposti per l’ applicazione dell’ art. 4 della legge 5 del febbraio 2012?

    Reply
  5. marco

    Buonasera, ma se il disabile gode di articolo 3 comma 3 e pur non ricadendo nelle categorie da lei menzionate per il beneficio fiscale iva al 4% ha comunque diritto all’accompagno, come ci si deve regolare? Il verbale riporta la dicitura “L’interessato non possiede alcun requisito tra quelli di cui all’art. 4 del D.L. 9 febbraio 2012 n.5”.

    Reply
  6. Colombo

    Buonasera,
    I verbali della legge 102 e 104 di nostro foglio riportato quanto segue:

    La dicitura sul verbale 102 e’ minore invalido con necessità di assistenza continua non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita( L.18/80) -indennità di accompagnamento.
    Requisiti di cui all’art. 4 del DL 9 febbraio 2012 n.5
    è affatto da handicap psichico o mentale di gravita’ tale da avere determinato il riconoscimento dell’indennita di accompagnamento (art.30, comma 7 della legge 388/2000)

    L. 104 art. 3 comma 3 portatore di handicap situazione di gravita

    Ma in fondo al verbale della 104 e’ riportato “”l’interessato non possiede alcun requisito tra quelli di cui all’rt.4 D.L. 9/02/2012

    Per quanto riguarda i requisiti per le agevazioni auto ci sono tutti gli elementi necessari, stiamo aspettando ancora che il concessionario ci dia una risposta ma quanto riportato sul verbale della legge 104 e’in contrasto .
    Entro settimana prossima dobbiamo per forza immatricolare l’auto come possiamo car valere il diritto sull’Iva agevolata

    Grazie

    Reply
    1. Avv. Nadia Delle Side

      In effetti i due verbali si contraddicono. Io inoltrerei, tramite patronato, all’Inps un’istanza in autotutela di riforma del verbale della Legge 104, allegando il verbale di invalidità civile e chiedendone la correzione.In ogni caso credo che basti la presentazione al concessionario del solo verbale di invalidità civile (accompagnamento) dato che esso attesta la natura psichica della disabilità. saluti

      Reply
  7. Marco

    Buona sera Avvocato mia mamma è invalida al cento per cento con accompagnamento dal 2010 a settembre 2018 ho riportato la mamma in commissione medica per la richiesta della 104 dato che nn era mai stata richiesta prima, a ottobre mi arriva il verbale dove gli viene riconosciuta con la dicitura comma 3 articolo 3 però mi ritrovo la dicitura che nn possiede alcun requisito di cui all’ art.4 d.l 9 febbraio 2012 n.5 ho diritto all’ iva agevolata sull acquisto di un auto e all’ esenzione bollo?? La ringrazio in anticipo

    Reply
    1. Avv. Nadia Delle Side

      No. La dicitura esclude il rilascio del contrassegno invalidi, nonchè le agevolazioni fiscali relative ai veicoli previsti per le persone con disabilità. Se intende impugnarlo ha 6 mesi di tempo dalla notifica del verbale. Saluti

      Reply
  8. Nadia

    Buona sera, sono una ragazza disabile grave dal 2008 a causa di un ictus dovrei acquistare un auto con le agevolazioni 104/92 ma il verbale in mio possesso è antecedente al 2012 (redatto nel 2009). Sono obbligata a rifare tutto l’iter medico della prenotazione, della domanda e della visita che per una persona nelle mia condizione é uno stress sovrumano o posso usare quella già in mio possesso?

    Reply
  9. Luigi

    Egr. Avv., avrei un quesito da porle.
    Ho ricevuto dall’INPS il verbale per l’accertamento dell’handicap per mio figlio minore affetto da disturbo dello spettro autistico.
    Da premettere che mio figlio, stranamente, è stato convocato a visita a marzo 2019 per il solo accertamento dell’Handicap, a giugno 2019 dovrà eseguire una nuova visita con altra commissione per l’accertamento dell’invalidità civile, nonostante sia stata presentata unica domanda all’INPS.

    Sul verbale è riportato
    Diagnosi: disturbo dello spettro autistico codice ICD9 2990, come da documentazione acquisita “relazione clinica e psicodiagnostica rilasciata dall’ Azienda Ospedaliera Santobono

    Gli è stato riconosciuto l’Handicap in situazione di gravità (comma 3 art.3), a seguire la nota ”l’interessato non possiede alcun requisito tra quelli di cui all’rt.4 D.L. 9/02/2012”

    Dovendo acquistare un’auto per accompagnare mio figlio al centro di riabilitazione, prendo atto che non posso usufruire delle agevolazioni fiscali per l’acquistarla.

    Secondo lei mi conviene presentare subito ricorso all’ Autorità Giudiziaria oppure aspettare la visita del 12 giugno, se gli venisse riconosciuta l’indennità di accompagnamento potrei richiedere la correzione del verbale con un’istanza di riesame per autotutela?

    La ringrazio in anticipo

    Reply
    1. Avv. Nadia Delle Side

      Può benissimo decidere di procedere nel modo da lei stesso indicato, ma con la seguente precisazione: l’istanza di riesame non sospende i termini per proporre eventuale ricorso giudiziario! Quindi, se l’Inps non dovesse procedere alla correzione su sua istanza di riesame entro 6 mesi dalla notifica del verbale di handicap, non potrà più far nulla.

      Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *