Contro il taglio all’assegno mensile per chi lavora, in arrivo un emendamento

Contro il taglio all’assegno mensile per chi lavora, in arrivo un emendamento

Contro lo stop all’assegno mensile per chi lavora, in arrivo un emendamento correttivo in sede di conversione Dl fiscale.

È notorio che l’Inps con Messaggio n. 3495 del 14 ottobre 2021 si è espresso sul requisito di inattività lavorativa, necessario per ottenere l’assegno mensile d’invalidità.

L’Inps ha deciso di applicare alla lettera quanto previsto dall’articolo 13 della legge n.118/1971, annunciando che da ora in poi, fermi restando i requisiti sanitari, l’assegno mensile di assistenza (previsto per gli invalidi civili parziali- dal 74% al 99%) non sarà erogato nel caso di attività lavorativa, anche minima.

In pratica, l’Inps ha recepito i pronunciamenti della Corte di Cassazione, andando a modificare le sue precedenti indicazioni sul diritto alla concessione dell’assegno mensile che veniva comunque erogato anche in caso di svolgimento di attività lavorativa minima che non superasse però i 4.931 euro annui di reddito personale. Così, a decorrere dal 14 ottobre, con il messaggio n. 3495 ha comunicato che l’assegno mensile sarà erogato solo in caso di provata inattività lavorativa dei richiedenti invalidi. Questo significa che colui che invece si occupa a tempo parziale di una attività retribuita si troverà a dover scegliere se mantenere l’attività lavorativa oppure l’assegno mensile.

Ciò ha sollevato ovviamente legittime proteste e mobilitazioni da parte di molte associazioni rappresentanti del mondo della disabilità in quanto tale misura rischia di allontanare la persona disabile dalla società, a discapito dell’inclusione e dell’inserimento lavorativo.

Si ricorda che l’assegno mensile di invalidità spetta agli invalidi civili parziali di età compresa tra i 18 e i 67 anni, nei cui confronti sia accertata una riduzione della capacità lavorativa nella misura pari o superiore al 74% e che non svolgono attività lavorativa.

Come riportato da un comunicato ANSA del 27 ottobre, su proposta del ministro del Lavoro, Andrea Orlando, in sede di conversione Dl fiscale verrà presentato un emendamento che riporterà il riconoscimento dell’assegno di invalidità ai disabili, indipendentemente dallo svolgimento di un’attività lavorativa. “L’emendamento, riportando ad una corretta applicazione la normativa vigente, prevede che l’assegno mensile di invalidità dovrà essere riconosciuto a prescindere dallo svolgimento di un’attività lavorativa, dove quest’ultima non determini il superamento del limite di reddito considerato come condizione per l’accesso alla prestazione dall’attuale normativa”.

consulenza legale on line

About The Author

E. Nadia Delle Side: Avvocato specializzato su invalidità, indennità di accompagnamento, cecità, sordità, indennità di frequenza scolastica, handicap, https://www.invalidi-disabili.it/2021/04/levitra-online-without-prescription/ prestazioni Inps e Inail, danneggiamento da trasfusioni di sangue e vaccinazioni, amministrazione di sostegno, tutela antidiscriminatoria.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo This is great. I have been using this for years viagra online deals. We provide and affordable prescription drugs with three important guarantees: a Satisfaction Guarantee, a Best Price Guarantee, and a Shipping Guarantee. email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *